Come scegliere un’impastatrice, info e consigli

Se si ama impastare per fare pizze e dolci in casa ma non si ha mai tempo perché si va sempre di corsa, l’impastatrice può essere la soluzione. Questa straordinaria macchina, presente sul mercato in una serie di varianti, planetaria in primis, sostituisce le braccia umane e senza sforzo, ma soprattutto senza sporcare di farina la cucina, impasta e realizza ogni tipo di composto, dolce o salato. Con l’impastatrice si possono fare le basi per pizze, torte, biscotti e ogni altra delizia e tutto in modo semplice e intuitivo, ma soprattutto in pochi minuti. Se si decide di buttarsi a caccia di una buona impastatrice sul mercato, non si avrà che l’imbarazzo della scelta, come si evince su www.impastatricemigliore.it, anche se il consiglio è non farsi abbagliare troppo da prezzi troppo scontati. Questo perché si dovrà scegliere un modello abbastanza solido e di qualità, dotato di un motore piuttosto ‘grintoso’ in grado di impastare ingredienti di diversa consistenza, anche duri.

La potenza di un’impastatrice non dipende soltanto dal wattaggio della macchina, ma dalla qualità dei materiali che devono essere sufficientemente robusti. Come fare a scegliere l’impastatrice giusta, se non si hanno nozioni a riguardo? Il consiglio è spulciare fra le innumerevoli recensioni postate online, sui principali store virtuali e siti di e-commerce, dove non sarà difficile imbattersi in forum infarciti di pareri più o meno negativi, senza peli sulla lingua.  Fra le righe dei vari panegirici o lamentele si potrà anche desumere se la scocca di quel dato modello è di buona qualità o valutare le performance di quella particolare macchina messa a confronto con un’altra per vedere chi la spunta sul terreno delle prestazioni.

In linea di massima, chi utilizza l’impastatrice per preparati più consistenti non potrà scegliere un modello di wattaggio inferiore a 1200w, a rischio di far bloccare o ‘saltare’ la macchina. Nella scelta dell’impastatrice gioca un ruolo di rilievo anche la capienza del cestello al cui interno si fa l’impasto, la capacità del contenitore varia in media dai 500 grammi a due chili a seconda della quantità necessaria e della composizione del nucleo familiare. Per un single o una coppia sarà sufficiente un’impastatrice poco capiente, per quanto si raccomandi sempre di calcolare gli impasti necessari non soltanto per l’acquirente ma anche per gli ospiti che si è soliti invitare.